OTOPLASTICA ESTETICA

Quando la “cicogna” è un po’ distratta!

L’orecchio “a sventola”, o meglio “a ventola” è un’alterazione già presente alla nascita, che consiste in un difetto dell’“impalcatura” cartilaginea che è all’interno del padiglione auricolare, per cui l’orecchio si mantiene a un angolo superiore al normale rispetto alla testa: orecchio prominente. Le orecchie, infatti, si considerano armoniose quando, guardando il volto di fronte, si intravedono solamente.

In questa malformazione congenita l’orecchio non solo è distaccato dal capo, posizionandosi quasi perpendicolarmente ad esso, ma è anche poco ripiegato e poco o affatto orlato prima della nascita. Il problema, perciò, non è dovuto solo al fatto che il padiglione auricolare è distante dal capo, ma l’ultimo tocco del ripiegamento non è stato portato a compimento nel ventre della madre.

Questa malformazione, spesso ereditaria, non implica nessun danno funzionale, perché non influisce sul fisico o sulla funzionalità dell’organo uditivo. Nella maggior parte delle persone con le orecchie prominenti questo difetto estetico è particolarmente avvertito e si rende necessario correggerlo con un intervento, per rimuovere, soprattutto, il disagio psicologico.

Questo difetto estetico, infatti, dal punto di vista psicologico può incidere sulla personalità causando complessi e frustrazioni: il problema, presente alla nascita, è comunemente oggetto di derisione e viene sentito, fin all’infanzia, generando, a volte, nevrosi che finiscono per segnare tutta una vita. Per questo motivo si consiglia di intervenire prima possibile, intorno ai 7-10 anni di vita, per evitare danni psicologici al bambino.

 Otoplastica estetica - Prima e dopo l'intervento

Risultato a un mese e a 10 anni di distanza dopo otoplastica estetica

È possibile correggere l’eccessiva protrusione delle orecchie, attraverso l’intervento di otoplastica estetica, riportandole in una posizione più normale, in modo da renderle meno evidenti e creando una corretta morfologia del padiglione auricolare.

L’intervento viene effettuato ambulatoriamente, in “day-Hospital” e in anestesia locale che rende insensibile il padiglione auricolare con punture locali potendo associarvi una sedazione ,cioè, iniettando dei farmaci per via endovenosa al fine di rendere più tranquillo il paziente.

La cartilagine auricolare viene, quindi, modellata in modo da ottenerne la corretta configurazione e correttamente posizionata. La cicatrice residua rimane nascosta nella faccia posteriore dell’orecchio (dietro all’orecchio), rivolta verso il cranio, e risulterà invisibile. Al termine dell’intervento viene applicata una medicazione modicamente compressiva, a tipo turbante, per proteggere le ferite chirurgiche di entrambe le orecchie e limitare il gonfiore e la sensazione di fastidio.

Nel post-operatorio, più che dolore il paziente avvertirà una sensazione di fastidio, ma questa è veramente minima e, comunque, di breve durata perché sicuramente ridotta oppure attenuata con i normali analgesici. Alla rimozione completa della medicazione con rimozione dei punti di sutura circa 12-14 giorni dopo l’intervento è consigliabile portare di notte una fascia elastica apposita per proteggere le orecchie durante il sonno.

Dopo l’intervento, i pazienti sono, in genere, molto soddisfatti, con aumento della stima, della sicurezza e della fiducia in se stessi (e questo si ha in qualsiasi età l’intervento venga eseguito!).

Torna su

BLEFAROPLASTICA ESTETICA

BLEFAROPLASTICA ESTETICA

Come rimuovere l’eccesso cutaneo palpebrale e le cosiddette “borse”

Con la blefaroplastica estetica, che significa modellamento delle palpebre, è possibile ridurre l’eccesso cutaneo e togliere le cosiddette “borse palpebrali”, dovute ad un eccesso di grasso. Non in tutti i pazienti, però si ha la necessità di rimuovere sia la cute, che le “borse”: in molti casi è necessaria solo una delle due cose.

Le palpebre sono le prime sedi anatomiche del volto ad essere colpite dal processo di invecchiamento: i fenomeni di invecchiamento spesso sono favoriti da motivi costituzionali. Accade, quindi, che i soggetti intorno ai 35-40 anni, con un eccesso di pelle alla palpebra superiore e/o “borse” sotto gli occhi, acquisiscano prematuramente un aspetto del viso stanco ed invecchiato. Le palpebre superiori, dunque, diventano pesanti, mentre in corrispondenza delle palpebre inferiori compaiono le “borse” e sottili rughe. Non vi è, comunque, un’età specifica per sottoporsi a questo intervento, perché, spesso, le “borse” sono evidenti già in giovane età.

IL LIFTING DEL VISO E DEL COLLO

Come ringiovanire l’aspetto del proprio volto

Il volto è una struttura anatomica che nel corso degli anni subisce progressi­vi mutamenti in tutti i suoi piani.

Un intervento sul viso, come ad esempio un lifting richiede sempre un lavoro su tutti i piani citati, l’asportazione dell’eccesso di pelle, la rimessa in tensione della fascia muscolare, l’asportazione parziale degli accumuli di grasso e se necessario anche un intervento sulla struttura ossea.



NEWS

12 Mar

Belli si diventa Belli si rimane

Medicina e chirugia estetica: le cose da sapere Sugarco Editore 2012 - Milano

12 Mar

Chirurgia e Medicina Estetica del viso

Scienza ed Arte in Chirurgia e Medicina Estetica del viso. Verduci Editore, 2011 – Roma  Insieme a Gasparotti M.