Lipo- filling: il trapianto di grasso

Quando i volumi e le rotondità del volto da ripristinare richiedono, però, un contributo maggiore è meglio ricorrere ad un auto-trapianto di tessuto adiposo: il cosiddetto “LIPO-FILLING” .

    Dopo che le prime liposuzioni sono state realizzate i chirurghi plastici hanno avuto l’idea di riutilizzare il grasso così estratto per reiniettarlo in un’altra sede del corpo, con lo scopo di riempimento.

La tecnica di re-iniezione del grasso autologo è detta “fat filling”, anche detto “lipo-filling” (=> riempimento con il grasso) dal 1995 è divenuta un metodo veramente affidabile per trattare certi inestetismi dovuti all’invecchiamento del volto.

    Tra i primi segni dell’invecchiamento facciale si ha la modificazione dei volumi e del profilo del volto, da impoverimento del tessuto adiposo sottocutaneo che è ridotto o assente.

La rotondità è sempre sinonimo di giovinezza.

    Depressioni e atrofie del tessuto sottocutaneo del viso, rughe profonde, possono essere trattate mediante innesto di grasso autologo.

 

    L’intervento nel caso in si effettui solo il “Lipo-Filling” viene effettuato ambulatoriamente,  previa esecuzione di esami emato-chimici di laboratorio e di un elettro-cardiogramma con visita cardiologia.

Non è richiesta alcuna ospedalizzazione, ma solo il “day-Hospital”.

    Il“Lipo-Filling” è un trattamento ambulatoriale ed in anestesia locale: le cellule adipose, prelevate dalla regione addominale o da quella inguinale della stessa persona, sono purificate e centrifugate in modo che possano sopravvivere e permettere un risultato stabile.

    L’aspirazione e la successiva infiltrazione di grasso autologo effettuata mediante siringa, che inizia come estensione della tecnica di lipo-suzione, permette il prelievo e l’impianto di tessuto adiposo, senza, peraltro, lasciare cicatrici cospicue.

                    Il “Lipo-Filling” ringiovanisce un volto senescente.

Il trapianto di tessuto adiposo autologo è utilizzato:

1. per aumentare il volume di alcune aree del viso, come gli zigomi; in presenza di un viso dimagrito per restaurarne la “pienezza”;

2. per la correzione di solchi naso-labiali eccessivamente profondi;

3. per la correzione delle depressioni particolarmente visibili nelle sedi labiali para-commissurali (agli angoli delle labbra);

4. in corso di “face lift” cervico-facciale soprattutto nei casi di “viso incavato”.

Possibili ritocchi con “Lipo-Filling”, a distanza di 6-12 mesi sono, comunque, possibili.

 Lipo-filling al viso contro l'invecchiamento

Auto-trapianto di tessuto adiposo a livello delle guance, degli zigomi e dei solchi naso-labiali: il cosiddetto “Lipo-Filling”

 

    Il risultato è soddisfacente, ogni volta che la tecnica e le indicazioni sono state corrette: le depressioni cutanee sono eliminate e i volumi del volto restaurati!

    Da un punto di vista psicologico si è rilevato che il ringiovanimento dell’aspetto fisico del volto e del corpo produce un aumento della stima, della sicurezza e della fiducia in se stessi.

 

    Il ricorso a un chirurgo plastico Vi assicura che questo abbia la formazione e le competenze richieste per saper evitare le complicazioni, oppure sappia trattarle efficacemente nel caso in cui queste si presentino.

 

    Se Lei sta pensando di sottoporsi a questi trattamenti, quanto letto è il primo passo: un consulto personale con medico dottor Antonino CAMPISI è il miglior modo per ottenere le informazioni addizionali di cui Lei ha bisogno.

 Lipo-filling per un sorriso sempre giovane

“Negami il pane, l’aria, la luce, la primavera …

ma il tuo sorriso mai”

Neruda.



NEWS

12 Mar

Belli si diventa Belli si rimane

Medicina e chirugia estetica: le cose da sapere Sugarco Editore 2012 - Milano

12 Mar

Chirurgia e Medicina Estetica del viso

Scienza ed Arte in Chirurgia e Medicina Estetica del viso. Verduci Editore, 2011 – Roma  Insieme a Gasparotti M.